“Paint & Wine”, come diventare artisti per una sera

Colori, pennelli, una tela bianca e un pizzico di talento. Il tutto accompagnato da un calice di vino in un ambiente davvero particolare, quello dell’Alembic Ak Bar nel cuore di Trastevere.  Sono questi gli ingredienti di “Paint&Wine”, i corsi di pittura con aperitivo di Lauren Lombardo, a cui è possibile partecipare il lunedì dalle 19 alle 21.

Lauren, newyorkese laureata in arte in Italia da poco più di quattro anni, ha iniziato con gli incontri di “Paint&Wine” quando viveva ancora negli States. Non serve avere alcuna esperienza per lanciarsi in questa avventura: Lauren spiega passo dopo passo (in italiano e inglese) i trucchi per realizzare il dipinto, come ottenere determinate sfumature di colore e anche in che modo correggere eventuali errori. Con della buona musica in sottofondo, un drink e tanti sorrisi, piano piano l’opera prende vita. E il risultato è straordinario: i dipinti sembrano davvero dei piccoli capolavori, da regalare oppure da appendere in casa e mostrare orgogliosi a parenti e amici.  L’Alembic Ak Bar è poi una Galleria d’arte-Cocktail Bar con un’atmosfera quasi magica, dove ci si può lasciar trasportare dall’immaginazione e dalla bellezza. E dove è possibile fermarsi per un aperitivo o per una serata diversa, lontani dalla folla e dal rumore.

L’arte diventa l’occasione per conoscere persone nuove, ma non solo. Lauren infatti sostiene anche “Save the School Exhibition in Rome”, la campagna di fundraising lanciata a favore di Real Pearl, un’organizzazione no-profit ungherese che si occupa dal 1999 dello sviluppo e dell’integrazione di bambini e famiglie in condizioni di estrema povertà residenti nelle zone più remote dell’Ungheria. L’obiettivo è di organizzare a Roma una mostra delle opere realizzate proprio dai bambini e un concerto che possa aiutare l’organizzazione a raccogliere fondi per i vari progetti educativi del prossimo anno.

Foto Pagina Facebook “Art with Lauren”

Arte, solidarietà e un buon aperitivo: per vievere questa straordinaria esperienza basta prenotarsi attraverso il sito di Lauren. Per maggiori informazioni  si possono visitare anche le pagine Facebook  Art with Lauren e Alembic #ak Bar.

Advertisements

Villa D’Este, magnificenza e splendore a due passi da Roma

Patrimonio Unesco e vero e proprio capolavoro del Rinascimento italiano: visitare Villa D’Este a Tivoli, comune a circa 30 chilometri da Roma,  è un piacevole percorso tra stanze finemente affrescate, bellissimi giardini e giochi d’acqua.

Panorama dall’appartamento nobile al primo piano del Palazzo

La villa fu voluta dal cardinale di Ferrara Ippolito II d’Este che iniziò, a partire dal 1550, la ristrutturazione della tradizionale sede dei governatori della città, costruita su un’antica villa romana (di cui sono venuti alla luce dei resti nel 1983, durante lavori di rifacimento di alcune sale). L’intenzione del cardinale era quella di ricreare i fasti delle corti ferraresi e di Villa Adriana: le stanze furono decorate da un nutrito gruppo di pittori, esponenti del tardo manierismo romano come Livo Agresti e Federico Zuccari, mentre i lavori della villa e dei giardini vennero affidati a Pirro Ligorio e Alberto Galvani.

Dell’antico splendore delle sale del palazzo, che si estende su più piani, oggi rimangono affreschi e stucchi, realizzati principalmente per celebrare la vita del suo proprietario: in ogni stanza, salone o cappella si respirano magnificenza e opulenza.

Ciò che conquista e affascina di Villa D’Este sono senza dubbio i suoi giardini. Tra scalinate e terrazze che si affacciano su panorami unici- da un parte Roma, fino ad arrivare a scorgere il Cupolone; dall’altra la città di Tivoli- si susseguono giochi d’acqua, piccole grotte e maestose fontane, circondati da alberi secolari, piante e aiuole.

Le suggestive Cento Fontane costeggiano il vialone d’ingresso, che porta alla Fontana dell’Ovato, arricchita di rocce e massi ornamentali. Alla  fine di questo vialone, con un’incredibile vista sulle pianure romane, si erge il belvedere della Rometta, ossia la rappresentazione di Roma in Trono, con accanto la lupa che allatta Romolo e Remo, cirocondata di vasche e zampilli.

Le Cento Fontane

La Fontana dell’Organo– così chiamata perché ha al suo interno un particolare meccanismo, che ricrea motivi proprio di questo strumento- è situata in uno spazio che sembra quasi magico: dalla sua terrazza si possono ammirare le “peschiere” e i giardini della villa, mentre passeggiando fino alla fine della piazza che la circonda, si trova un romantico arco ricoperto di rincosperno.

La Fontana dell’Organo

Imponente e scenografica è poi la Fontana del Nettuno, che risulta anche la più recente, creata nel XX secolo trasformando la cascata realizzata da Gian Lorenzo Bernini, a cui furono affidati alcuni lavori nei giardini.

La Fontana del Nettuno

A Villa D’Este si vivono molteplici emozioni. Tra i suoi angoli si possono quasi scorgere i protagonisti di quei tempi ormai andati, mentre passeggiano dolcemente, discutendo di arti e politica. Basta chiudere gli occhi, ascoltare il rumore dell’acqua che scorre e lasciarsi accarezzare dalla sua bellezza.

 

 

Meraviglia e terrore: è il Parco dei Mostri di Bomarzo

Un luogo suggestivo, che racchiude volti spaventosi e animali mitologici, e che racconta una storia di terrore e meraviglia. Il Sacro Bosco di Bomarzo, conosciuto anche come Parco dei Mostri, si trova a circa un’ora di macchina da Roma, nella provincia di Viterbo, ed è assolutamente unico nel suo genere.

Creato nel 1552 dal Principe Vicino Orsini e dall’architetto Pirro Ligorio, questo giardino incantato è un labirinto di simboli che non segue un ordine logico, ma intende sorprendere, stupire o spaventare i suoi visitatori. Fortemente voluto dal Principe- che decise di dedicarlo a sua moglie Giulia Farnese- divenne uno dei più importanti e apprezzati dell’epoca. Dopo la sua morte fu però abbandonato: riscoperto dopo secoli e rivalutato da intellettuali del calibro di Goethe, Salvador Dalì e Mario Praz, nella seconda metà del Novecento venne restaurato e poi aperto al pubblico.

Circondati da alberi e piante, le sculture si ergono maestose: all’ingresso del parco, e probabilmente a custodirlo, troviamo due sfingi di ispirazione classica ed egizia. A poca distanza il primo “mostro”: un mascherone con la bocca aperta. È Proteo Glauco.

Proteo Glauco

Il percorso continua tra i due giganti– la statua più grande del Bosco Sacro-, la tartaruga e la balena che affiora dalla terra, la fontana da cui emerge Pegaso. E poi ancora la casa pendente– straordinaria-, l’elefante che porta su di sé una torre e un legionario, un drago impegnato in una lotta. E che dire poi di Echidna, la donna con due code di serpente al posto delle gambe e Furia, la donna con ali e coda di drago?

La casa pendente

 

L’orrore è sempre in agguato e qui prende le sembianze di un orco con la bocca spalancata, la figura più famosa dell’intero Giardino, che sembra quasi voler divorare le sue prede.  Grazie ad alcuni scalini è possibile entrare al suo interno (risulta in realtà una piccola stanza scavata nel tufo): un’esperienza sicuramente da provare.

Park of Monsters TreasureRome

L’orco

Probabilmente nel corso degli anni alcune sculture sono andate perse e ancora oggi alcune hanno delle parti poco riconoscibili: misteriosi sono rimasti anche i criteri di realizzazione dell’intero giardino, che gli studiosi non sono riusciti a spiegare. Tutti questi particolari, uniti alle originali statue, fanno del Parco dei Mostri un piccolo gioiello che emoziona e colpisce. Un posto da visitare per trascorrere qualche ora circondati dalla natura, immaginando che le sculture possano prendere vita al calare della notte, rendendo onore a chi le ha ideate e tramandate.   

La tartaruga

 

Where to buy bus tickets in Rome

Rome is definitely a city to explore by foot. You can discover hidden gems getting yourself lost in its streets, but it is a pretty big city as well. So if you need to see different places and you don’t have enough time to wander around, you can take the metro (lines A, B and C) or you can catch the bus or the tram.

How to buy tickets Rome-TreasureRome blog Ticket cost €1,50 and are active for 100 minutes from validation, or for one metro ride (but you can use it also for buses after the metro within that time period) on urban routes. Thy cal also valid on regional trains: Trenitalia (2nd class only), Roma-Lido, Termini-Centocelle and Roma-Viterbo (urban route).They must be validated: on buses and trams there are machines close to the doors; if you take the metro, you use it to go through the turnstile.

There are self service machines at every metro station, but you can’t buy a ticket on the bus. Actually it could be possible, but only in some buses and you don’t know which ones. Don’t ask the driver, he can’t help you! So where you can purchase them?

  • At a Tabaccheria (Tobacco shops). You can easily find a tabaccheria everywhere in Rome. They sell differents things like cigarettes, sweets, souvenirs, stamps and tickets.Here you can buy a single ticket or multiple single tickets: you can also reload a monthly pass (abbonamento).
  • At an Edicola (kiosk). Here you can buy newspapers and tickets. As the tabaccheria, it’s easy to find it around the city.
  • How to buy tickets Rome-TreasureRome blog On an app: there’s a good one called “MyCicero” to use with a credit card. It’s really  useful because you don’t need to find a shop or change your money.
  • At Atac –the Rome public transportation company- ticket offices (you can also check its site for further information on routes).

If you are planning to experience all that Rome can offer, you can also get a 24, 48 and 72 hours passes.

How to buy tickets Rome-TreasureRome blog

Tickets and passes

Enjoy Rome and don’t forget to buy your tickets!

 

Le 5 domande più ricercate su Google che riguardano Roma

Cosa chiedereste a Google su Roma? Quale dettaglio o piccolo segreto vorreste che vi svelasse? Ecco quali sono le 5 domande più curiose sulla città cercate online: potrebbero essere anche le vostre!

Perché Roma si chiama Roma?

L’origine del nome della città è in realtà avvolto nel mistero, anche se sono principalmente due le ipotesi al momento più accreditate. Una è quella che fa risalire il nome all’antico nome del Tevere, ossia “Rumon” o “Rumen”: “romanus” quindi, in origine, significava “fluviale” e Roma sarebbe “la città sul fiume”. La seconda ipotesi invece identifica Roma con “rume”, ossia mammella, il nome dato al Palatino-dove venne fondata la città- per le sue due vette che venivano paragonate a un seno. Improbabile che il nome derivi da Romolo, secondo la leggenda il suo fondatore, mentre gli studiosi ritengono più probabile il contrario.

Perché Roma è la città più bella del mondo?

Per la sua storia millenaria. Per i suoi angoli che regalano sempre dettagli inaspettati. Perché il centro storico della città, insieme alle proprietà extraterritoriali della Santa Sede dentro la città e alla Basilica di San Paolo Fuori le Mura sono Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Perché Roma ha monumenti straordinari e unici. La risposta a questa domanda può avere moltissime sfumature e nessuna di loro sarebbe errata.

 

Perché Roma è diventata capitale d’Italia?

Roma divenne capitale con la legge del 3 febbraio 1871, dopo che venne annessa al Regno d’Italia dallo Stato pontificio. Ma di questa scelta si stava già discutendo mentre si faceva più reale l’idea dell’unificazione italiana (avvenuta nel 1861). Questo perché il nuovo stato sarebbe stato considerato più grande e potente se avesse avuto un legame con la magnificenza e le indiscusse glorie dell’antico impero.

Perché Roma è detta La città Eterna?

In molti fanno risalire all’imperatore Adriano la prima definizione di Roma come “Città Eterna”. Ma questa espressione, ormai di uso comune per tutto ciò che la città ci ha tramandato, è sicuramente da attribuire anche alla cultura latina, che vedeva enorme valore nella durevolezza del tempo. Roma, anche definita “Caput Mundi”, per la sua grandezza e predominanza nel mondo antico, non poteva che esserne la più alta espressione.

Perché Roma città aperta?

L’espressione “città aperta” signfica che una città è stata ceduta alle forze nemiche senza combattimenti, in modo da risparmiarla dalla distruzione. Questo accadde anche a Roma, quando venne dichiarata tale nel 1943 durante la seconda guerra mondiale, ma solo dalle autorità italiane: una condizione che non venne però ratificata da quelle tedesche. “Roma città aperta” è inoltre il titolo del film del 1945 del regista Roberto Rossellini, con Anna Magnani e Aldo Fabrizi: un racconto corale della vita quotidiana della città occupata dai tedeschi.

Discovering Rome: Villa Ada

Spring has just kicked off and Rome is full of colours and flowers. Parks are more and more crowded, because it is the easiest way to enjoy the sun, the colder air and the good season. If you want to meet locals and spend a day in a beautiful park as they usually do, you definitely have to go to Villa Ada.

Photo credit: @agnes.ina-Instagram

Villa Ada is a wide park measuring 182 hectares in the Parioli neighborhood and it’s the second larger in the city after Villa Doria Pamphilj. It was the home of the king vittorio Emanuele II during the first half of the century; now it houses the Egyptian Embassy in a private area. Romans love to spend some time in this park because it is the wildest one in the city. It is perfect for athletes, for couples, families and music lovers: the “Incontra il Mondo” festival plays here every Summer.

Photo credit: @fran028-Instagram

There is also a really nice lake with fish and turtles; you can even rent canoe and bikes or ride horses. Moreover, the park’s “Monte Antenne”, with an altitude of 67 metres, gives a beautful view and the access to an ancient archaeological site.

“Incontra il Mondo” Festival. Photo credit: @vedronza-Instagram

Villa Ada is the right place if you want to relax, have a walk or eat something surrounded by nature and peace. If you want to enjoy the real Roman life, you just can’t miss this natural oasis of the Eternal city.

 

10 cose (insolite) da fare a Roma

“Tutte le strade portano a Roma” recita un famosissimo proverbio. E anche il proprio cammino personale, prima o poi, incrocia la Città Eterna: una delle più amate, fotografate e visitate del mondo. Che sia una volta, o magari anche più di una: spesso anche i romani ammettono di avere ancora qualcosa da scoprire nella città in cui sono nati e continuano ad abitare. Se restate a Roma per più di tre giorni, o non l’avete vissuta a fondo la prima volta in ci siete stati, queste sono 10 cose da fare al di fuori dei soliti “giri turistici”, per poter davvero dire di “esserci stati“.

  • Andare alla scoperta di Passetto di Borgo, il tratto che collega il Vaticano e Castel sant’Angelo: zona pedonale con molti bar e ristorantini.

1463908678565723037_borgopio

  • Passeggiare immersi nel verde sull’Appia Antica, a piedi o in bici, per respirare aria di storia e autenticità.

appia antica 1

  • Girare in lungo e largo Trastevere, perdendosi tra i suoi vicoli, per poi concedersi un caffè al Bar san Calisto, uno dei più conosciuti del quartiere.
Credits: @martinrueg-Instagram

Credits: @martinrueg-Instagram

  • Prendere un aperitivo in uno dei locali tra via della Pace e via Anima, a due passi dalla suggestiva piazza Navona.

Piazza Navona

  • Visitare i Musei Capitolini, per comprendere meglio la storia e il mito della Città Eterna.

Musei capitolini treasurerome

Parco degli acquedotti

  • Assaggiare i piatti della cucina tradizionale romana, dalla cacio e pepe alla coda alla vaccinara, in una delle osterie del quartiere Testaccio.
Credits:@paulinevergara-Instagram

Credits:@paulinevergara-Instagram

  • Provare la grattachecca, tipica di Roma, in estate: per esempio quella della famosa Sora Maria in via Trionfale.
Credits: @avalabrega-Instagram

Credits: @avalabrega-Instagram

  • Visitare il parco archeologico di Ostia Antica e fare poi un salto al lungomare di Ostia.

ostia-antica-3

  • Attraversare il Ponte della Musica, dopo una passeggiata sul Lungotevere.

ponte-della-musica-2

Emozioni e ricordi: ecco ciò che vi lascerà Roma una volta a casa.

Food & The City: gli itinerari del gusto-Episode 4

Tre luoghi diversi di Roma, tre ristoranti differenti tra loro che ci hanno riservato altrettante (piacevoli) sorprese. La parola d’ordine di questo quarto episodio dei nostri itinerari del gusto è infatti “scoperta“: locali scelti quasi per caso e che ci hanno fatto pensare “Ci torneremo“. Curiosi di scoprire quali sono?

IL BRILLO PARLANTE

Situato in pieno centro (tra via del Corso e piazza del Popolo), Il Brillo Parlante è un locale accogliente e molto particolare. Ristorante, wine bar e pizzeria, perfetto per rilassarsi dopo lo shopping, quando lo stomaco chiama e si ha bisogno di una piccola pausa tra un negozio e l’altro. Si possono scegliere sia piatti della cucina romana che la pizza cotta nel forno a legna. La cantina è fornitissima: e si capisce al primo sguardo.

brillo-parlante

Il Brillo Parlante (Foto Facebook)

‘NA COSETTA

Ristorante con live music, ‘Na Cosetta è molto conosciuto e apprezzato a Roma: è sicuramente tra i più famosi del Pigneto, quartiere celebre per la sua “movida”. Piatti tipici romani rivisitati (come, ad esempio, le patate all’amatriciana) e buona musica, in un’atmosfera calda e avvolgente. Caratteristiche che lo rendono un locale da non perdere, soprattutto se si vuole trascorrere una bella serata con gli amici dopo una giornata di (duro) lavoro.

'Na Cosetta (Foto Facebook)

‘Na Cosetta (Foto Facebook)

DONDOLO

Bagel, uova, insalate e dolci dagli ingredienti sfiziosi e dagli accostamenti tutti da provare, accompagnati da diversi tipi di birra artigianale. Ristorante, bakery e cafè, Dondolo (situato nel quartiere Montesacro) è caratterizzato inoltre da un delizioso cortile esterno, dove si può mangiare anche d’inverno (grazie a lampade e coperte!) Una piccola esperienza da vivere, per una serata in gruppo (o anche romanticamente in due).

Dondolo (Foto Facebook)

Dondolo (Foto Facebook)

E se siete dei food lover, non perdere anche gli episodi 1, 2 e 3 del nostro tour dedicato ai locali romani che più ci piacciono!

Luci e magia: è Roma a Natale

La Città Eterna si veste di luci e colori. Gli addobbi rendono splendente ogni angolo e si respira un’aria magica. Roma e Natale, un binomio perfetto, un’esperienza assolutamente da vivere: profuma di felicità, stupore, voglia di cose belle.

trinita-dei-monti-natale

Trinità dei Monti

Piazza Navona

Piazza Navona

Tra l’attesa delle festività natalizie e la corsa all’acquisto dei regali, la città regala scorci unici e indimenticabili: è difficile non rimanere incantati. Tra la folla, la musica e la bellezza, anche i più scettici dovranno arrendersi alla suo calore.

Palazzo Valentino (Photo credit: @hyperjoseph-Instagram)

Palazzo Valentino (Photo credit: @hyperjoseph-Instagram)

Piazza San Pietro (Photo credit: @francesco_pasquarelli-Instagram)

Piazza San Pietro (Photo credit: @francesco_pasquarelli-Instagra

Piazza Venezia

Piazza Venezia (Photo credit: @elisabetta.baldini-Instagram)

In strada è tutto luci, fumo di caffè, presepi, donne, uomini, nonne e bambini.

Via Condotti

Via Condotti

Ci si può illudere di conoscerla in ogni angolo, di capirne le logiche, di non lasciarsi sorprendersi più: ma ogni volta che torna Natale, Roma ha un colore intenso, un odore caldo, una luce diversa. Perciò non resta che rassegnarsi.

“Roma è inconoscibile, si rivela col tempo e non del tutto. Ha un’estrema riserva di mistero e ancora qualche oasi” (Ennio Flaiano)

Food & TheCity: gli itinerari del gusto-Episode 3

Piacere per il palato, ma anche per gli occhi. Questo terzo appuntamento con la nostra mini guida ai ristoranti e ai locali di Roma strizza l’occhio alla bellezza senza dimenticare, ovviamente, il gusto. Per una cena con gli amici, un pranzo veloce ma gustoso o una serata romantica.

BAJA

Location mozzafiato (sulla riva del Tevere) e tante possibilità: pausa caffè, pranzo, aperitivo, cena e dopocena con musica e dj-set. Il Baja, una piccola imbarcazione luminosa nei pressi di Piazza del Popolo, è uno di quei locali che stupiscono sempre. Bellissimo in tutte le stagioni, è assolutamente da provare, con i suoi piatti particolari e i suoi cocktail. Per trascorrere momenti in piacevole compagnia, avvolti dalla straordinaria bellezza di Roma.

baja

Baja (Foto Facebook)

MO’ MO’ REPUBLIC

Wine bar, pizzeria e ristorante, il Mo’ Mo’ Republic è uno dei locali più conosciuti di Roma. In una bellissima location, quasi incantata (nel quartiere Monteverde) è aperto per pranzo, aperitivo, cena, dopocena e brunch della domenica. Ha ampi spazi sia interni che esterni ed è particolarmente consigliato per una cenetta romantica o una serata con gli amici.

mo-mo-republic

mo’ Mo’ Republic (Foto Facebook)

QUE TE PONGO? e SANT”EUSTACHIO CAFFE’

Salmone, alici di Sicilia, aringa: c’è solo l’imbarazzo della scelta nella salmoneria Que te pongo? di via Ripetta 40 (nei pressi di piazza del Popolo) e di via Dogane Vecchie 13 (vicino al Pantheon).  Panini e insalate con materie prime di qualità, accompagnate da un bel calice di vino: una pausa pranzo raffinata e da leccarsi i baffi. E se vi trovate in via Dogane Vecchie, un salto al Sant’Eustachio Caffè, a pochi passi dalla salmoneria nella carinissima piazza Sant’Eustachio, è d’obbligo: il suo è il caffè più buono (e famoso) di Roma.

Sant'Eustachio Caffè (Foto Facebook)

Sant’Eustachio Caffè (da Facebook)

Se cercate altri suggerimenti, date un’occhiata agli episodi 1 e 2 dei nostri itinerari del gusto!