Be my Valentine: three romantic spots in Rome

St.Valentine’s Day is almost here and Rome is a very romantic place to declare Eternal love. You have plenty of things to do. But if you are looking for something very special, you just can’t miss these three tips from who knows Rome very well (and fell in love in and with the Eternal City!)

Monte Mario

Monte Mario is the highest hill in Rome north of the Vatican. It’s famous among Romans because at the night you can enjoy a breathtaking view of the city. There you can also find “il Vialetto degli Innamorati”, that is “The street of the lovers” and Lo Zodiaco restaurant, where you can have meals or  some drinks while reciting love poems.

1448145319660629750_montemario

Photo credit: @michela_carusone-Instagram

Castel Sant’Angelo

Walking hand in hand has never been so exciting: Ponte Sant’Angelo becomes magic during the night. It’s bright, uncrowded and mysterious: Castel Sant’Angelo, with its majesty and amazing beauty is just in front of you. If you want to propose, it’s the right place. Trust us.

Photo credit: @giova_gallu-Instagram

Photo credit: @giova_gallu-Instagram

Ponte Milvio

It’s probably the most romantic bridge in the city: Ponte Milvio used to be full of padlocks with love promises written on them. Kiss each other while looking at the fantastic view on the river Tiber: it will be unforgettable. You can spend the rest of the night at one of the bars and restaurants all around the area, which are really nice.

Photo credit: @turistiperhobby-Instagram

Photo credit: @turistiperhobby-Instagram

 

“To get the full value of a joy you must have somebody to divide it with.” 

Mark Twain

Advertisements

Anima, cuore e mente: le terrazze di Roma da non perdere

Passeggiare per le strade di Roma, meravigliarsi di ogni angolo, è un’esperienza che tutti hanno provato la prima volta che hanno realizzato il piccolo, grande desiderio di visitarla. Per i romani la propria città è uno di quei luoghi che non lascerebbero mai, o da cui si allontanano il più delle volte non per scelta: “ci siamo nati e riusciamo a comprenderla” raccontano spesso.

Già, perché Roma va capita, ascoltata, osservata oltre la sua nota bellezza, oltre le meraviglie che racchiude: è nella gente che la vive ogni giorno, nelle storie tristi e felici che si consumano tra le sue strade e i suoi palazzi, oltre che nello sguardo di chi viene per ammirarla e trascorrere del tempo a contatto con tutto ciò che rappresenta, nel bene e, forse, anche un po’ nel male.

Gianicolo marcodea81 marco de angelis

Gianicolo (Photo credit: marcodea81 da Instagram)

L’anima di Roma corre tra i suoi vicoli, abbraccia i suoi monumenti, accarezza i suoi tetti. Guardarla dall’alto, perdere la vista oltre il cielo che la sovrasta è il modo migliore per carpirla e avvertirla. Passeggiando lungo la via Aurelia da Trastevere si arriva al Gianicolo, dove il panorama si apre alla vista mettendo in mostra tutto il centro storico. Circondati dal verde degli alberi, tenuti d’occhio dalla statua di Giuseppe Garibaldi (a cui è intestata la piazza), si respira, si lascia libera la mente, si guarda e  si scatta qualche foto. Anche se i ricordi rimarranno comunque indelebili.

Il famoso Fontanone– la Fontana dell’Acqua Paola- protagonista della bellissima canzone “Roma capoccia” di Antonello Venditti (alzi la mano chi non la conosce!) si trova proprio qui.

Quanto sei bella Roma quann’è sera, quanno la luna se specchia dentro ar Fontanone e le coppiette se ne vanno via, quanto sei bella Roma quando piove

Da questo colle e dal 1904 un cannone spara, a salve, puntuale a mezzogiorno.

Pincio (Photo credit: veronicag2 da Instagram)

Pincio (Photo credit: veronicag2 da Instagram)

Dopo una visita ai Musei Capitolini, una foto all’Altare della Patria e un po’ di shopping in via del Corso, perché non raggiungere il Pincio per ritemprare cuore e mente?

Piazza del Popolo e il Tridente (via del Corso-via di Ripetta e via del Babuino) fino al Cupolone, il panorama è mozzafiato. Da questa terrazza si può poi accedere a Villa Borghese: et voilà, la felicità è servita.

Monte Mario (Photo credit: g.chiapparelli da Instagram)

Monte Mario (Photo credit: g.chiapparelli da Instagram)

Un po’ meno conosciuto dai turisti è Monte Mario: sede dell’Osservatorio astronomico e a 139 metri d’altezza, ospita il belvedere denominato “Zodiaco” (con annesso bar-ristorante) che regala una vista di Roma particolarmente suggestiva di notte: le luci si fondono creando un piccolo capolavoro. Questo luogo è conosciuto anche come “vialetto degli innamorati”. E chissà che se non sia proprio questo stupendo scenario a far scoccare la scintilla!

Emozioni da custodire, raccontare e- perché no?- rivivere. Perché davvero, non bastano mai.