10 things you must experience in Rome at least once- Part 1

Rome is a city that makes you sigh and dream: we told it a lot of times. Its most famous monuments, such as the Trevi Fountain, the Spanish Steps, the Pantheon and Piazza Navona, just to name a few, always leave you breathless, even after having seen them dozens of times. But Rome also has many other experiences to live. Here are 10 things that we think you should do at least once in life.

  • Take a walk to Villa Borghese and then visit the Gallery of Modern Art, which houses around 20,000 works including paintings, drawings, sculptures and installations as well as masterpieces by Klimt, Monet, Van Gogh, Hayez.

  • Visit the statue of Pasquino near Piazza Navona, one of the most famous and best-preserved “talking statues” in the city.
  • Eat the Roman pizza bianca, better if freshly baked, in the Campo de’ Fiori bakery (forno).

Photo credit: @richmondinrome-Instagram

  • Go up the 28 stairs of the Scala Santa, at the Basilica of S. Giovanni in Laterano, strictly on your knees, as tradition requires.
  • Read a book and relax in the wonderful Giardino degli Aranci, admiring the view of Rome before leaving.

  • Visit the Jewish Ghetto and the quiet square of the Fontana delle Tartarughe, before arriving at the bustling city life in via Arenula.

Photo credit: @hescia-Instagram

  • Try the typical and artisanal buiscuits and sweets of Valzani pastry shop in Trastevere, a historical shop that smells of authentic Roman history.
  • Visit the Protestant cemetery in Testaccio, an oasis of peace in which artists and writers are buried and in which many cats are often found to laze.

  • Try the “sorchetta“- a Roman cake with an equivocal name- from the “sorchettaro” near the Termini station, which is only open at night. A rather “sinful” experience that only Rome can offer!

Photo credit: @cocotoletta-Instagram

  • Do a roaring trade at Porta Portese, the historic market of Rome, where you can find almost everything: the important thing is to deal with the price!

An authentic Rome, as you may have never experienced before, is what you can often find in small gestures and in not very crowded places.

Advertisements

Which catacombs to visit in Rome

Not only is Rome a city full of beauty and wonders. It also keeps secret underground: kilometers of burial places of  Ancient times. They are the famous catacombs, subterranean burial chambers that they were built outside the walls, along main roads as the Ancient Appian Way, the via Ostiense, the via Labicana, the via Tiburtina and the via Nomentana.

From the 2nd century AD catacombs were carved through tufa, creating a network of tunnels and galleries; bodies were placed in graves in stone sarcophagi, with a slab closing the chamber. There are different kinds of tombs, which depended on the means of the family. They are the most representative monument of the Early Christian church, where also martyrs were buried. When Christianity became a state religion, the faithful begun to bury the dead in cemeteries, the relics were trasfered and catacombs remained abandoned.

catacoms of Rome TreasureRome They were forgotten and then rediscovered from the end of the XVI century. Today it is possible to visit some of them, for an experience you won’t forget.

The Catacombs of Domitilla are the best preserved ones: over 17 kilometers of underground caves, some of which are now inaccessible. The visit begins with the Basilica of the martyrs Nereus and Achilleus, that were built above their tomb, and the continues with the catacombs where it can still be seen symbols, paintings and frescoes.

The Catacombs of San Sebastiano are on the Ancient Appian Way. The martyred remains of Saint Sebastian were buried here and a basilica was built over the grounds to pray the saint in the early 4th century. The stucco decorations on the celilings and the frescoes on the burial chambers are well preserved.

Another option on the Appian Way are the Catacombs of St. Callixtus, the greatest of Rome. Popes and martyrs were buried here; the underground cemetery has several areas, a gallery full of loculi, small chambers and family tombs.

The catacombs are the place in Rome that you can’t miss to fully understand the ancient history of the Eternal City.

Coppedè, an unmissable “hidden gem” in Rome

A magic place: if you close your eyes, it’s easy to imagine a world in miniature full of fairies and little folks. Even in a city that is the symbol of history and magnificence. This is the great secret of Coppedè, the neighborhood of Rome which hosts beautiful and peculiar buildings conceived by the architect Luigi “Gino” Coppedè in the 20s. A brave project, an unique mix of styles: liberty, neo-gothic, baroque and modernism.

Strategically located between Trieste and the Parioli districts, you can reach the heart of Coppedè passing through a really odd arch which hides a wrought-iron chandelier. This is the way to Piazza Mincio, the symbol of this amazing oasis of art, elegance and eccentricity. It seems to be covered by mystery: the Fontana delle Rane (Fountain of the frogs) is on the central part of a roundabout and was meant as a homage to Bernini’s works.

Walking on these streets is like being in a movie: every building has a story to tell through their frescos, details and different kinds of decorations. You can go and take a break from reality. Beyond the Coppedè neighborhood there are the Colosseum, the Fontana di Trevi and the Spanish Steps, which everybody knows. But this is another, awesome story, that is worth discovering and experiencing.

10 cool (and unusual) things to do in Rome

“All Roads lead to Rome” is a really famous proverb. And sooner or later, you will need to visit the Eternal City: one of the most loved and admired city in the world. Once, twice, or maybe more: sometimes even Romans admit that they still have something to discover of their own city. If you stay in Rome for more than three days, or if you didn’t have the opportunity to see everything you wanted the first time you were there, here you find ten cool things to do off the beaten track. So you can really say: I know Rome.

  • Explore Passetto di Borgo, a small street which connects Castel Sant’Angelo to the Vatican: it’s a pedestrian area with lots of bars and nice restaurants.

  • Have a walk at the Ancient Appian Way, by foot or by bike, to breath history and authenticity.

  • Go around the magic neighborhood of Trastevere, losing yourself in its alleys. Then have a coffee at Bar Calisto, one of the most famous in the city.

Credits: @martinrueg-Instagram

  • Have an Italian “aperitivo” in one of the bars between via della Pace and via Anima, close to the great Piazza Navona.
  • Visit the Musei Capitolini, to learn something more about the history of Rome.

  • Have a break at the Parco degli Acquedotti (Park of the Aqueducts), surrounded by nature and beautiful views.

  • Taste the traditional dishes of the Roman cuisine, like “spaghetti cacio e pepe” or “coda alla vaccinara”, in one of the typical tavern of Testaccio neighborhood.

Credits:@paulinevergara-Instagram

  • Try the “grattachecca”, the slush of Rome: for example the one made by “Sora Maria” in via Trionfale.

Credits: @avalabrega-Instagram

  • Visit the archeological site of Ostia Antica and then go to Ostia beach.

  • Go across the Ponte della Musica (“Bridge of Music”) after a walk along the riverside.

Emotions and memories: that’s what Rome will leave you for sure.

3 itinerari alternativi alla ricerca dell’essenza di Roma

Fontana di Trevi, il Colosseo, Piazza di Spagna. Luoghi unici al mondo. Il Gianicolo, il Pincio e lo Zodiaco: terrazze meravigliose che si affacciano sulla città. Storie, aneddoti e ricordi rendono questi angoli di Roma ancora più speciali. Ma ci sono anche altri itinerari che possono far innamorare della Città Eterna. Percorsi insoliti che attraversano quartieri, piazze e strade custodi della ‘romanità’ più autentica e per questo da sperimentare.

CINECITTA

Il nome di questo quartiere suggerisce già la sua attrazione principale: i famosi Studios, in cui sono stati girati circa tremila film sia nazionali che internazionali, la “Fabbrica dei sogni” tutta italiana che oggi è possibile visitare grazie al progetto “Cinecittà si mostra”.  Non è però l’unico luogo che si può visitare recandosi in questa zona fuori dal cuore della Città Eterna. Poco distante si trova infatti il suggestivo Parco degli Acquedotti, ideale per passeggiare, rilassarsi e godere della sua bellezza senza tempo.

Photo credit: @find_the_world_and_beauty

EUR

Un quartiere particolare, moderno, che ospita la Nuvola di Fuksas e il Palazzo della Civiltà Italiana, anche chiamato “Colosseo Quadrato”, oggi quartier generale di Fendi. Ma l’EUR è conosciuto anche per il parco divertimenti che ha accompagnato generazioni di ragazzi e che ha da poco riaperto sotto nuove vesti- il Luneur-, per il Palazzo dei Congressi- dove si svolgono diverse fiere ed eventi-e per il suo laghetto che, circondato dal verde, è una meta piacevole da riscoprire in primavera. Come non ricordare poi i locali- bar, discoteche e ristoranti- che animano la movida romana?

Colosseo Quadrato (Photo credit: @david_conti1)

PIGNETO

Gli amanti del cinema d’autore sicuramente conosceranno il Pigneto per le scene del film “Accattone” di Pier Paolo Pasolini.  Il “Bar Necci” e la street art continuano a ricordare il grande regista, che qui aveva trovato un luogo d’ispirazione, ma il quartiere oggi è anche di più: è considerato tra i più “cool” d’Europa. Merito della sua anima vivace, dei locali in cui si può ascoltare musica dal vivo e gustare la cucina tradizionale romana, ma anche di quell’aria trendy e artistica che si fonde con quella Roma più autentica, vecchia e genuina. L’area pedonale è il centro della movida di sera e del mercato di giorno: cultura, tradizione, modernità e storia racchiuse in un’unica borgata.

Street art (Photo credit:@lia_in_corea)

5 cose da fare a Roma in primavera

Il peggio è passato e il freddo è ormai un ricordo. Roma comincia a rifiorire, un sole caldo riempie le giornate e piacevoli profumi inebriano l’aria.

Sì, forse la primavera è la stagione migliore per visitare la Città Eterna: nonostante non sia per niente facile stilare una classifica di tutto ciò che si può fare in città in primavera, ecco le 5 appuntamenti che noi non perdiamo mai!

I Natali di Roma

Quando nasce una dea tutti le devono rendere omaggio, è una legge non scritta tra le sfere celesti. E così deve essere: il 21 Aprile si celebrano i Natali di Roma e tanti cittadini, romani e non,  rendono il doveroso saluto alla città madre dell’occidente.

Ogni anno tra le vie del centro storico sfilano volontari del gruppo  storico romano che con rappresentazioni suggestive rievocano i fasti dell’antica Roma.  Se avete deciso di passare per Roma, ricordatevi che questo è il suo 2770 compleanno.

Hanami di Roma

Un angolo  di Giappone all’Eur. Se siete amanti dell’oriente, non potete assolutamente esimervi da una visita al famoso laghetto dell’Eur, dove si trovano 2500 Ciliegi che il Giappone donò all’Italia il 20 luglio 1959.

Credits @valentzia87-Instagram

Un bellissimo posto dove fare una passaggiata, ammirare i ciliegi in fiore e magari, praticare un pò di canotaggio in una delle numerose associazioni presenti sulle sponde del lago.

Lancio di Rose al Pantheon

Ogni tradizione che si rispetti si ripete ogni anno, e così il prossimo 4 giugno una pioggia di rose scenderà all’interno del PantheonQuesta ricorrenza segna la fine delle Pentecoste e risale all’insediamento dei primi cristiani a Roma. La Rosa rappresentava infatti  rappresentava lo Spirito Santo ed era il simbolo del sangue versato dal Crocefisso per la redenzione dell’umanità.

Credits: @Romaaeterna

In origine petali di rose venivano fatti cadere sui fedeli dal lucernaio della cupola dell’antico Pantheon a simboleggiare le lingue di fuoco della sapienza. Uno spettacolo davvero unico, che ogni anno richiama moltissimi turisti e romani.

Roseto Comunale

Il 21 aprile per i romani è una data importante: non solo per il natale della propria città, ma anche perchè segna l’apertura del Roseto comunale. Situato nei pressi del Circo Massimo ad ingresso gratuito, il Roseto ospita 1.100 le varietà di rose botaniche, antiche e moderne, provenienti da tutto il mondo. Da non perdere le rose botaniche, risalenti a più di 40 milioni di anni fa.

Credits: @voupraroma-Instagram

Con un panorama invidiabile il Roseto non vi deluderà.

Pic-nic a Villa Ada

Felici, ma stanchi, perché reduci da una settimana di code ai musei, tour dei monumenti e visite di tanti angoli paticolari di Roma? Concedetevi una giornata di riposo e approfittate di uno dei numerosi parchi che Roma offre e organizzate un pic nic! Villa Ada è un parco situato nel quadrante nord di Roma, con una storia millenaria: è il punto in cui si uniscono i due fiumi di Roma, Aniene e Tevere: ai romani piace passeggiare tra i sentieri di questo parco, trovare ristoro all’ombra e mangiare in compagnia qualcosa preparato a casa, o semplicemente una pizza con la mortadella.

Credits: @rossana__rox-Instagram

Bambini, giovani, aspiranti giocolieri, atleti, padroni con i cani a passaggio e anziani sulle panchine: una fenomenologia degli abitanti della Città Eterna!

Visiting Rome in the moonlight

Rome is a city of multiple faces. It can be funny, cozy, chaotic; you can see it from different points of view. But when the night falls, the Eternal City becomes absolutely fantastic.

These are three places you can’t miss under the moonlight!

PONTE SANT’ANGELO (Bridge of Angels)

There’s no doubt that Castel Sant’Angelo is one of the most suggestive places in Rome. And Ponte Sant’Angelo Bridge, or “Bridge of Angels”, is amazing during the night. It’s full of lights and you can enjoy a breath-taking view from every angle. Take a walk there and give yourself the opportunity to have a private moment of relax and delight.

1419627956040661634_pontesantangelo

Photo credit: @n_brgr- Instagram

VIA DI MONTE TESTACCIO (Monte Testaccio street)

Testaccio (Mountain of crock) is one of Rome’s most famous neighborhood. It is situated in an area which used to be the harbour of Ancient Rome and it takes its name from the huge numbers of broken amphorae that were left there. Now Via di Monte Testaccio is the beating heart of the Roman movida!

testaccio

THE JEWISH GHETTO

The Roman Jewish Ghetto is one of the most ancient in the world and it is stunning after the sunset. Its atmosphere is really unique, almost magical. The Synagogue and the Portico d’Ottavia, from Ancient Rome, seem to embrace  all the people who look at them. Walking onto its streets is really a beautiful experience. But you can also choose to have a dinner there, in one of the Jewish restaurants that locals love.

1221589598100351373_porticodottavia

Photo credit: @gianniantoniograzioli

Three different places with one feature in common: they represent the spirit of the Eternal City.

 

5 unusual things to see in Rome

Not only famous monuments and piazzas, but also curious and secret places. Here you find 5 unusual things to see in the Eternal city, which even some  locals don’t know about!

  • The magic door of Piazza Vittorio

This door used to be a part of a famous villa, called Villa Palombara, and now it is located into the garden of piazza Vittorio, close to Termini station. Two  statues of the ancient Egyptian deity Bes are its “supervisors” and someone says that it may shield the secret of the philosopher’s stone.

The Magic Door (Photo credit: Restorefood-Instagram)

  • The Tureen of via Vittorio

It is not so far from Piazza Navona: this is a really peculiar fountain because…it has a lid! It used to be located in campo De’ Fiiori, but the Pope Gregorio XV decided to relocated it, because it was used to wash fruits and vegetables. Its nickname was chosen by Romans to make fun of it.

  •  The optical illusion of via Piccolomini

Via Niccolò Piccolomini is a small street in Rome where you have the feeling of being in front of the St. Peter’s Dome. Something strange happens here: the closer you get, the smaller the Dome becomes. If you step back, the Dome will appear bigger and closer. Go and have a look!

Via Piccolomini (Photo credit: @mariannaalvarenz-Instagram)

  •  The “motorized” painting of Rubens

Rubens painted a work entitled Angels Adoring the Madonna Vallicelliana, which is displayed in the church of Santa Maria Valicella. It incorporates a special feature, a panel that could be removed to reveal behind it the holy image it was designed to protect. The priest usually moves it with a remote control after the Saturday Mass.

  • The Zuccari Palace

Close to Spanich Steps, this palace seems to be like others. But it’s not true. It is also known as “a monster house” because its door and windows are monsters’ faces with their mounths wide open.

Palazzetto Zuccari (Photo credit: @lubi1982-Instagram)

Rome is a city to discover…Don’t you think?

Roma by night: i 3 luoghi da non perdere sotto le stelle

Roma è una città dai mille volti. Può essere accogliente e festosa, sorniona e caotica, divertente e riflessiva. Può essere osservata e vissuta sotto tanti punti di vista: romantica, spaventosa, insolita, oppure…notturna!

Ecco tre luoghi particolari da vivere…sotto le stelle!

PONTE SANT’ANGELO

Non c’è dubbio: Castel Sant’Angelo è uno dei simboli più imponenti e suggestivi di Roma e Ponte Sant’Angelo, che lo collega al Lungotevere Vaticano, di notte è uno spettacolo straordinario. Sarà per le luci che avvolgono il Castello, sarà per il panorama di cui si può godere da ogni angolo, ma una passeggiata di sera è sicuramente d’obbligo. Per osservare, pensare, ritagliarsi un momento tutto privato di piacere.

Photo credit: @n_brgr- Instagram

Photo credit: @n_brgr- Instagram

VIA DI MONTE TESTACCIO

Testaccio è uno dei quartieri più conosciuti di Roma. Situato nella zona portuale dell’antica Roma, prende il nome proprio dal “monte” creato dai cocci delle anfore che sistematicamente venivano lì accumulate dopo essere state usate per il trasporto delle merci. Via di Monte Testaccio, in particolare, vive quasi esclusivamente di notte: ristoranti e locali di diverso tipo, situati uno dietro l’altro, ne fanno uno il cuore pulsante della movida romana.

testaccio

GHETTO EBRAICO

Tra i più antichi del mondo, il ghetto di Roma è bellissimo da visitare dopo il tramonto, perché ha un’atmosfera particolarissima, quasi magica. La sinagoga e il Portico D’Ottavia, complesso monumentale della Roma antica, sembrano quasi avvolgere chi li osserva con la loro forza. Passeggiare tra le sue stradine è davvero un’esperienza da provare. E magari poi si può anche decidere di fermarsi per cena, in uno dei ristoranti ebraici conosciuti e frequentati soprattutto dai romani.

Photo credit: @gianniantoniograzioli

Photo credit: @gianniantoniograzioli

Tre luoghi diversi tra loro ma da una caratteristica comune: riescono a trasmettere l’essenza unica della Città Eterna.

Roma insolita: 5 segreti della Città Eterna

Molteplici bellezze e scorci da custodire nel cuore e nei ricordi, ma anche luoghi curiosi e poco conosciuti. Roma non racchiude solo famosi monumenti e meravigliose piazze, ma anche piccoli segreti e misteri…Ecco cinque posti insoliti tutti da scoprire!

  • LA PORTA MAGICA DI PIAZZA VITTORIO

Conosciuta anche come Porta Alchemica, è tutto ciò che rimane di Villa Palombara e si trova oggi nel giardino di Piazza Vittorio, nei pressi della stazione Termini. Custodita da due statue del dio egizio Bes, presenta delle curiose incisioni che, secondo la leggenda, potrebbero contenere il segreto della pietra filosofale. Il Marchese Palombara, infatti, era un appassionato di alchimia.

restorefood

La Porta Magica (Photo credit: @Restorefood-Instagram)

  • LA “ZUPPIERA” DI CORSO VITTORIO

Non molto distante da piazza Navona si trova una fontana molto particolare: ha il coperchio! È la“Terrina” risalente alla fine del 1500 che oggi, dopo varie peripezie, troneggia in piazza della Chiesa Nuova. Originariamente posizionata a Campo De’Fiori- dove ora è collocata la statua di Giordano Bruno- veniva utilizzata dai commercianti per lavare frutta e verdura o tenere al fresco i fiori, riempiendosi di rifiuti. Papa Gregorio XV, per evitare questo malcostume, decise di farla chiudere: per questo i romani l’hanno ironicamente ribattezzata “la zuppiera”.

  • L’ILLUSIONE OTTICA DI VIA PICCOLOMINI

Avreste mai pensato di osservare la Cupola di San Pietro che si rimpicciolisce mentre ci si avvicina o diventa sempre più grande mentre ci si allontana? È quello che succede in via Piccolomini, nei pressi del colle del Gianicolo. Una strada rettilinea, allineata con il famoso Cupolone, da cui si può ammirare uno splendido panorama. E che è protagonista di questo effetto ottico davvero magico. Da provare!

mariannaalvarenzviapiccolomini

Via Piccolomini (Photo credit: @mariannaalvarenz-Instagram)

  • IL QUADRO MOTORIZZATO DI RUBENS

Un quadro con una cornice motorizzata, che custodisce al suo interno un affresco della Vergine: è la Madonna della Vallicella, pala dell’altare maggiore della chiesa di Santa Maria in Vallicella o Chiesa Nuova. Per proteggere l’icona miracolosa, Pieter Paul Rubens pensò a questa soluzione per permettere al suo dipinto di mostrare o nascondere l’immagine sottostante. Oggi il congegno viene attivato tramite un telecomando dal parroco, dopo la messa del sabato. 

  • IL PALAZZETTO ZUCCARI

Tra via Sistina e via Gregoriana, su Piazza Trinità dei Monti, c’è un palazzo molto particolare. Di primo acchito può sembrare semplicemente un edificio elegante, ma in realtà Palazzetto Zuccari ha una curiosa (e anche un po’ horror) caratteristica: le decorazioni delle cornici delle porte e finestre esterne hanno le sembianze di mostruose bocche aperte. Sono ispirate al Giardino di Bomarzo e legate allo stile particolare e fantasioso dell’architettura manierista del XVII secolo.

 

lubi1982palazzettozuccari

Palazzetto Zuccari (Photo credit: @lubi1982-Instagram)

 

Stranezze e particolarità che non fanno che rendere ancora più unica la Città Eterna: qual è la vostra preferita?