Roma insolita: 5 segreti della Città Eterna

Molteplici bellezze e scorci da custodire nel cuore e nei ricordi, ma anche luoghi curiosi e poco conosciuti. Roma non racchiude solo famosi monumenti e meravigliose piazze, ma anche piccoli segreti e misteri…Ecco cinque posti insoliti tutti da scoprire!

  • LA PORTA MAGICA DI PIAZZA VITTORIO

Conosciuta anche come Porta Alchemica, è tutto ciò che rimane di Villa Palombara e si trova oggi nel giardino di Piazza Vittorio, nei pressi della stazione Termini. Custodita da due statue del dio egizio Bes, presenta delle curiose incisioni che, secondo la leggenda, potrebbero contenere il segreto della pietra filosofale. Il Marchese Palombara, infatti, era un appassionato di alchimia.

restorefood

La Porta Magica (Photo credit: @Restorefood-Instagram)

  • LA “ZUPPIERA” DI CORSO VITTORIO

Non molto distante da piazza Navona si trova una fontana molto particolare: ha il coperchio! È la“Terrina” risalente alla fine del 1500 che oggi, dopo varie peripezie, troneggia in piazza della Chiesa Nuova. Originariamente posizionata a Campo De’Fiori- dove ora è collocata la statua di Giordano Bruno- veniva utilizzata dai commercianti per lavare frutta e verdura o tenere al fresco i fiori, riempiendosi di rifiuti. Papa Gregorio XV, per evitare questo malcostume, decise di farla chiudere: per questo i romani l’hanno ironicamente ribattezzata “la zuppiera”.

  • L’ILLUSIONE OTTICA DI VIA PICCOLOMINI

Avreste mai pensato di osservare la Cupola di San Pietro che si rimpicciolisce mentre ci si avvicina o diventa sempre più grande mentre ci si allontana? È quello che succede in via Piccolomini, nei pressi del colle del Gianicolo. Una strada rettilinea, allineata con il famoso Cupolone, da cui si può ammirare uno splendido panorama. E che è protagonista di questo effetto ottico davvero magico. Da provare!

mariannaalvarenzviapiccolomini

Via Piccolomini (Photo credit: @mariannaalvarenz-Instagram)

  • IL QUADRO MOTORIZZATO DI RUBENS

Un quadro con una cornice motorizzata, che custodisce al suo interno un affresco della Vergine: è la Madonna della Vallicella, pala dell’altare maggiore della chiesa di Santa Maria in Vallicella o Chiesa Nuova. Per proteggere l’icona miracolosa, Pieter Paul Rubens pensò a questa soluzione per permettere al suo dipinto di mostrare o nascondere l’immagine sottostante. Oggi il congegno viene attivato tramite un telecomando dal parroco, dopo la messa del sabato. 

  • IL PALAZZETTO ZUCCARI

Tra via Sistina e via Gregoriana, su Piazza Trinità dei Monti, c’è un palazzo molto particolare. Di primo acchito può sembrare semplicemente un edificio elegante, ma in realtà Palazzetto Zuccari ha una curiosa (e anche un po’ horror) caratteristica: le decorazioni delle cornici delle porte e finestre esterne hanno le sembianze di mostruose bocche aperte. Sono ispirate al Giardino di Bomarzo e legate allo stile particolare e fantasioso dell’architettura manierista del XVII secolo.

 

lubi1982palazzettozuccari

Palazzetto Zuccari (Photo credit: @lubi1982-Instagram)

 

Stranezze e particolarità che non fanno che rendere ancora più unica la Città Eterna: qual è la vostra preferita?

 

Advertisements

One thought on “Roma insolita: 5 segreti della Città Eterna

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s