Food & the City: gli itinerari del gusto-Episode 2

Un aperitivo con gli amici? Un pranzo fuori con la famiglia? O semplicemente  una cenetta romantica a due?

Le opportunità in una città come Roma sono davvero innumerevoli. Oggi vi segnaliamo tre locali in altrettante zone della capitale. E non dimenticate di dare un’occhiata al primo episodio di questa mini guida del gusto, per godere appieno delle bellezze della Città Eterna: quelle che passano per la gola!

MEJO DE BETTO E MARI

State cercando la cucina romana per eccellenza? Allora “Mejo de Betto e Mary” nel quartiere Pietralata è il posto che fa per voi. Cacio e pepe, amatriciana, coda alla vaccinara e abbacchio allo scottadito ma anche tanti antipasti tradizionali: nervetti, lingua, coppiette e cavolo fritto.  Il giardino esterno è perfetto nella bella stagione. Meglio prenotare: è un ristorante molto richiesto (e apprezzato)!

Mejo de Betto e Mary (da Facebook)

Mejo de Betto e Mary (da Facebook)

REC 23

Dal brunch alla cena, passando per l’aperitivo: REC 23, nel quartiere Testaccio, è ristorante ma anche cocktail & wine bar. Ambiente curato, che ricorda un angolo di New York, è adatto non solo a un aperitivo informale, ma anche a un evento aziendale o un pranzo con i bambini. Diverse le iniziative a seconda dei giorni della settimana. D’estate REC23 diventa “REC23 on the River” per “Lungo il Tevere Roma“, l’iniziativa che ogni estate anima la capitale.

Rec23

Rec23

LUPPOLO STATION

A due passi dal cuore di Trastevere, Luppolo Station è un risto-pub molto particolare. Arredato come una stazione degli anni ’20, ha una vasta scelta di birre artigianali  (da selezionare direttamente dal tabellone del…binario numero 3!) e piatti che spaziano da hamburger e patatine alla tradizione romana. Un’occasione da sfruttare per il pranzo, l’aperitivo, la cena o…il prunch, ossia il brunch della domenica. Insomma, una bella birra ci sta sempre bene.

Luppolo Station

Luppolo Station

Quando lo stomaco chiama…Roma risponde!

 

Advertisements

All you need is love: the 5 best romantic places in Rome

This is not a secret: Rome is a really romantic city. But are you sure you know all the places where you can spend some nice time with your partner? No, we are not talking about Spanish Steps or Trevi Fountain, but about 5 “hidden gems” you must know.

Don’t panic and check our list: your love will be stronger than ever!

  • Piazza Santa Maria in Trastevere

Santa Maria in Trastevere is one of the most beautiful churches in town. The square is as stunning as the church and it treasures a magic atmosphere during the night. Just go there and whisper: “I love you”.

smariatrastevere

Piazza di Santa Maria in Trastevere

  • Piazza Di Pietra

In front of the Temple of Hadrian, during the night, you can find a very particular light. It is often not so crowdy and for this reason it is the perfect place to canoodle a little bit.

Piazza di Pietra (Photo credit: yara.mnrv- Instagram)

Piazza di Pietra (Photo credit: yara.mnrv- Instagram)

  • Giardino degli Aranci- Garden of Oranges

A small park in the Aventine Hill which offers a wonderful view of monuments and roof tops of the Eternal City. We bet someone proposed here.

Giardino degli aranci

Giardino degli aranci

  • Lungotevere

Along the River Tiber you can enjoy some of the most spectacular views of the city. Moreover, during Summertime, it becomes full of bars, restaurants and events. We think it keeps its romantic side-you can also have a drink while flirting.

Lungotevere (Photo credit: applegrauso-Instagram)

Lungotevere (Photo credit: applegrauso-Instagram)

  • Parco degli Acquedotti

Flowers, trees, ancient remains and good air. A walk into history and nature.That’s impossible to have a fight here. Only love, love and love again.

Parco degli acquedotti

If you don’t have a partner, you have two possibilities: you can find him/her before coming to Rome or…in Rome!

 

Fantasmi e leggende, la Roma (da brividi) che non ti aspetti

Nel corso dei secoli, tra una bellezza senza tempo e monumenti celebri nel mondo, le vite di milioni di persone hanno scelto Roma come propria dimora. Felicità e disperazione hanno attraversato le sue strade e i suoi ponti. Qualcuno però non ha ancora trovato la pace: una morte ingiusta, una fine atroce oppure un’esistenza sciagurata ne disturba il sonno eterno. E qualche anima torna, di tanto in tanto, nel Regno dei Vivi a far avvertire di nuovo la propria presenza.

A Ponte San’Angelo si può incontrare il fantasma più famoso della città: Beatrice Cenci. Decapitata nella piazza di Castel Sant’Angelo l’11 settembre del 1599, colpevole di aver organizzato l’omicidio del proprio padre che la costringeva a subire abusi sessuali, con la testa in mano vaga sul ponte nella notte tra il 10 e l’11 settembre.

Castel Sant'Angelo 2

Ponte Sant’Angelo, dove vaga il fantasma di Beatrice Cenci

Piazza Navona è invece il luogo dove si affacciavano le finestre della casa in cui Costanza Conti De Cupis visse con il marito. La donna, di grande bellezza, colpì un artista che volle fare il calco delle sue mani ed esporlo nella sua bottega. Uno straniero, vedendole, predisse la sua morte prematura e Costanza, molto turbata, decise di rinchiudersi in casa. Un giorno si punse il dito con un ago mentre stava ricamando: l’infezione fu tanto profonda da richiedere l’amputazione del braccio, ma era comunque troppo tardi. La nobildonna morì di setticemia. Da allora, quando la luna si specchia sulle finestre del palazzo, è possibile vedere riflesse le sue mani pallide.

Piazza Navona

Piazza Navona

Il 7 gennaio, su una carrozza nera che attraversa Ponte Sisto per poi finire la sua corsa nel Tevere, è possibile invece incontrare Donna Olimpia. Cognata di Papa Innocenzo X, a cui rubò due casse d’oro una volta deceduto e si rifiutò di pagare le esequie, era nota all’epoca per la sua avidità, sia di denaro che di potere.

ponte sisto

Ponte Sisto

Mastro Titta, conosciuto anche come il “boia di Roma”, è il più famoso esecutore di sentenze che la città ricordi. Operava per lo Stato pontificio e nella sua lunga carriera arrivò a giustiziare ben 514 persone. Lo si può incontrare all’alba, mentre passeggia nei luoghi che lo videro protagonista.

A Trastevere, nei pressi di Piazza Sant’Apollonia, si narra che invece vaghi l’anima travagliata di Lorenza, o Serafina Feliciani, vedova del mago Cagliostro, i due celebri imbroglioni di Roma. O ancora che nella scalinata dell’ Ara Coeli ogni tanto faccia capolino il fantasma di Cola Di Rienzo. Campo de’Fiori non può che essere riservata a Giordano Bruno, che lì venne bruciato sul rogo.

La statuta di Giordano Bruno a Campo de' Fiori

La statua di Giordano Bruno a Campo de’ Fiori

Ma non è tutto. Due chiese sono famose a Roma per le loro caratteristiche alquanto…macabre.

San Giovanni Decollato, situata nei pressi del Velabro, è aperta solo il 24 giugno. Assegnata all’ Arciconfraternita che aveva il compito di assistere i condannati a morte, custodisce tuttora alcuni cimeli come la cesta che raccoglieva le loro teste, gli strumenti usati dai boia, i chiusini che nel pavimento accoglievano i loro resti.

Santa Maria della Concezione dei Cappuccini, che si trova nella famosa via Veneto, ha la cripta ricoperta di teschi e ossa e alcuni corpi mummificati di frati. Al suo ingresso campeggia la scritta: “Noi eravamo quello che voi siete, e quello che noi siamo voi sarete.”

(Foto Marco Wooster)

La cripta-ossario (Foto Marco Wooster)

Pronti al vostro tour da brividi della Città Eterna?

Discovering Rome: the 5 things you don’t know about the Appian Way

Via Appia Antica– Ancient Appian Way is one of the earliest road of the Roman Republic: one of the greatest engineering works of all times, which keeps surprising the contemporary world. The road is named after Appius Claudius Caecus, the Roman censor who began and completed the main part in 312 BC.

appia antica 1

It’s definitely worth a visit for almost 5 reasons.

  1. It was the “Regina Viarum“, that means it was considered by Romans as the queen of all streets in the Eternal City. 538 kilometers from Rome to Brindisi, in South Italy.
  2. It was used for different kinds of trips and it is full of history: Horace, Virgil and Maecenas travelled here together.
  3.  Along the Appian Way we can still find some remains and monumental tombs. Rich families used to bury their beloved ones here. The Mausoleum of Cecilia Metella, Capo di Bove, Santa Maria Nova and Villa dei Quintili are some of the most beautiful sites you can visit (buying a ticket).
  4. It is a peaceful place where you can rent a bike or do some outdoor activities, like walking or jogging, surrounded by nature and memories of the Ancient Rome.
  5. You can have an “aperitivo” or a delicious ice-cream at the “Appia Antica Caffè“, a really nice bar in the heart of the Appian Way. Can you imagine enjoying the sunset from such a stunning place, having a drink and relaxing? 

If you are not sure yet, this video might convince you to go!