La “piccola Londra” nel cuore di Roma

Case basse e colorate nel tipico “English style“. Un angolo di Londra nel cuore di Roma, a tre fermate di tram dalla centralissima Piazza del Popolo: l’avreste mai detto?

piccola Londra1

Questa piccola strada privata, delimitata da due cancelli (da cui si può accedere da via Flaminia, al civico n.287 o da viale del Vignola) sembra appartenere al famoso quartiere londinese di Notting Hill. Invece è a pochi passi dallo stadio Flaminio.

piccola Londra2

La tranquillità e la particolare atmosfera che si respira tra quei portoni così British, con scalini e giardinetti tutti adornati di fiori, sono due degli elementi che colpiscono a prima vista. Un piccolo gioiello realizzato nel primo decennio del ‘900 dall’architetto Quadrio Pirani, padre di diversi quartieri residenziali dell’epoca, che doveva ospitare impiegati e burocrati. Superfluo sottolineare il suo fascino, rimasto intatto nel corso degli anni: è come evadere per un momento, prima di riaffacciarsi sulla Città Eterna.

piccola londra 3

Via Bernardo Celentano- questo il nome della particolarissima stradina- è uno di quei luoghi di Roma da non perdere e da visitare il prima possibile…sempre nel rispetto dei suoi residenti.

 

Advertisements

Following the music in Rome

Do you love music and you can’t live without it, even if you are on holiday?

No problem. Rome is full of places where you can enjoy live concerts, musicals and music shows…You’ll be only requested to choose what you prefer!

The Auditorium Parco della Musica is the most famous in town: it is a multi-functional complex dedicated to music. You can always find exhibitions, concerts, festivals, ballet and different events. You’ll also have the opportunity to visit its museums dedicated to musical instruments and archeological remains, discovered during the preliminary excavation stages of the area reserved for the new Auditorium.

Auditorium fede_marchetti__

Auditorium Parco della Musica (Photo credit: fede_marchetti__-Instagram)

Summer is the best season to listen to music in the Eternal City: a lot of concerts are held in places surrounded by stunning backdrops.

Villa Ada is a beautiful park which every year hosts live performances: but it is not the only one. The Terme di Caracalla, the well-known archeological site, becomes an open air theatre live shows and operas. Music and Rome’s history under the moonlight: a dream that comes true.

Terme di Caracalla (Photo credit: Roberta Bernabei-Instagram)

Terme di Caracalla (Photo credit: Roberta Bernabei-Instagram)

 Rock in Roma is one of the major rock music festival not to be missed: many concerts of Italian and International artists and a location – inside the Hippodrome- where you can also spend some nice time before or after the shows.

The Olympic Stadium and Foro Italico hold major international sporting events but even live concerts. During the year it is common to go to the Palalottomatica to see indoor concerts of different kind (from Italian singers and bands to International performances).

Foro Italico (Photo credit: ludovicacimmino-Instagram)

Foro Italico (Photo credit: ludovicacimmino-Instagram)

It is easy to nourish your soul in Rome: don’t you think?

Lì dove tutto ebbe inizio: alla scoperta della nascita di Roma

“Roma non è una città come le altre. È un grande museo, un salotto da attraversare in punta di piedi”. È così che Alberto Sordi parlava di Roma. Una definizione che si addice perfettamente a una città in cui ogni angolo ha qualcosa da raccontare: un aneddoto, un particolare storico o una leggenda.

Probabilmente tutti conoscono la storia della sua nascita: Romolo e Remo, i due gemelli figli del Dio Marte e di Rea Silvia, vengono abbandonati in una cesta e affidati al fiume Tevere. Salvati da una lupa che li allatta o, come raccontano altre versioni, da un pastore e dalla moglie Larenza, soprannominata “Lupa” perché dedita alla prostituzione, decidono di fondare una nuova città una volta scoperta la loro vera identità. Una scelta che porta alla morte di Remo- ucciso dal fratello in seguito a una lite scoppiata proprio per chi dovesse avere il diritto alla fondazione- e alla nascita di Roma. Ma qual è il punto preciso in cui tutto ebbe inizio?

Piazza della Bocca della Verità

Piazza della Bocca della Verità

Roma è nata grazie al Tevere, sul colle Palatino, in una piazza dove ritroviamo secoli e secoli di storia e dove sorgeva il primo porto della città, il Portus Tiberinus: Piazza della Bocca della Verità. La Basilica di Santa Maria in Cosmedin, conosciuta perché sotto il suo portico accoglie ciò che non era altro che un tombino, custodisce anche il suo punto più antico: l’Ara Massima di Ercole invitto, costruita nel 495 a.c., i cui resti sono visibili nella cripta.

Attraversando la strada e ponendosi di fronte alla Basilica, si può osservare il Tempio di Ercole Vincitore, erroneamente conosciuto anche come Tempio di Vesta, risalente al 120 a.c. Il nome deriva dal fatto che Ercole fosse il protettore dei commercianti. Proprio lì infatti, a ridosso del porto, si svolgevano le attività commerciali della città.

Nel Medioevo, com’era usanza dell’epoca, questo tempio divenne una chiesa dedicata a Santo Stefano delle carrozze. C’era probabilmente un punto di ritrovo nei paraggi.

Tempio Ercole

Tempio di Ercole Vincitore

Accanto a questo tempio di forma circolare, sorge il Tempio di Portuno, risalente a epoca repubblicana in quello che era il Foro Boario, ossia il mercato delle carni. Sempre nel Medioevo non venne risparmiato e diventò una chiesa: Santa Maria Egiziaca. Il motivo di questo nome è curioso: Santa Maria Egiziaca era la protettrice delle prostitute e in quel luogo molte di loro svolgevano la loro attività.

Tempio Portuno

Tempio di Portuno

La Fontana al centro della Piazza è l’elemento più recente: omaggio di Papa Clemente XI ai romani, risale al 1700. Fino a qualche anno fa comprendeva anche un abbeveratoio, poi spostato in un’altra zona.

Superando la piazza e attraversando nuovamente la strada, si arriva al Velabro: la zona in cui vissero Romolo e Remo e dove Mastro Titta, celebre boia di Roma, eseguì gran parte delle 514 esecuzioni della sua carriera. Ora qui è possibile visitare la Chiesa di San Giorgio al Velabro e l’Arco di Giano.

San Giorgio al Velabro (Photo credit: parmenide2014 da Instagram)

San Giorgio al Velabro (Photo credit: parmenide2014 da Instagram)

Più di duemila anni di storia racchiusi in pochi passi. Mettetevi al centro della piazza, chiudete gli occhi e iniziate a immaginare: non avvertite quella grandezza, quel brivido che solo Roma riesce a trasmettere?

Ringraziamo l’associazione Roma Sparita che ci ha accompagnato in questo meraviglioso viaggio in un pomeriggio di maggio.

Discovering Rome: Villa Torlonia

A gorgeous villa which hosts wonderful buildings surronded by English-style gardens. A nice and peaceful place where you can find culture, history and relax: Villa Torlonia is one of the most famous (and beautiful!) parks in Rome, not so far from Piazza Bologna.

Villa Torlonia TreasureRome

The name of the Villa comes from Giovanni Torlonia, who purchased it from the Colonna Family. He asked the famous architect and designer Giuseppe Valadier to expand it at the beginning of the 19th Century. Year after year, the Torlonia family embellished the Villa and its buildings. It was given as a residence to Mussolini and then abandoned for a while after 1945, until the restoration works allowed it to be opened to the public.

Now there are a theatre, a techno-scientific play-center and two museums: Casino Nobile, which is the main building of Villa Torlonia, and Casina delle Civette. Casino dei Principi, a few steps away from Casino Nobile, is open during temporary exhibitions.

Casino nobile villa Torlonia TreasureRome

Casino Nobile

Casino Nobile has two exhibit floors and a basement with a shelter and a bunker, created by Mussolini, which can be visited if reservations are made in advance.

casina civette villa Torlonia TreasureRome

Casina delle Civette

Casina delle Civette has marvellous staineed glass windows: its name- “The House of the Owls”- comes from the use of owls as a decorative theme. It is definetely worth a visit: it is really nice and unique.

Not only culture, but also fun and outdoor activities. You can take a walk, read a book or have a coffee a the Limonaia, the restaurant- coffee Shop which is inside the park.

Don’t forget to add Villa Torlonia to your “to-do” list continue dreaming in Rome.